sabato 6 febbraio 2016

Nel frattempo al cinema #20: Remember

Buonasera lettori,
credo capiti a tutti almeno una volta nella vita di arrabbiarsi o soffrire, senza però poter far qualcosa per rimediare, o meglio, qualcosa nell'immediato. Spesso incassiamo il colpo, in silenzio, e portiamo dentro un rancore e una rabbia che maturano nel tempo in attesa dell'attimo giusto, il momento in cui prenderci la nostra rivincita. La vendetta, dopotutto, è un piatto che va servito freddo. Alcuni lasciano perdere e l'amarezza sfocia nel perdono o nell'oblio perché, per perdonare, è necessario dimenticare. Altri, invece, non riescono a dimenticare. O forse non possono. Remember è un film che gioca proprio sulla memoria, premessa necessaria alla vendetta, e sugli inganni del destino.

Titolo originale: Remember
Regista: Atom Egoyan
Genere: Thriller, Drammatico
Cast: Christopher Plummer, Bruno Ganz, Jürgen Prochnow, Heinz Lieven, Henry Czerny, Dean Norris, Martin Landau














Il mio pensiero:
Il protagonista di questa storia è Zev Guttman, un ebreo affetto da demenza senile, che è attualmente ricoverato in una clinica privata insieme a Max, un uomo sulla sedia a rotelle con cui ha condiviso l'orrore di Auschwitz. Quest'ultimo gli affida il compito di vendicare le loro famiglie, sterminate da un perfido aguzzino, arrivato in America settant'anni prima sotto falso nome.
Inizia così questa ricerca, guidata dalla lettera del compagno di sventura che gli ricorda negli attimi di smarrimento il suo obiettivo.


Seguiamo allora il viaggio on the road che porta Zev a viaggiare tra l'America e il Canada, attendendo il momento di quella che si prospetta essere la vendetta per eccellenza: quella di un ebreo nei confronti di un nazista. Assorti in questo percorso di incontri e scontri, false piste e deviazioni, veniamo coinvolti dall'umanità del personaggio interpretato da Christopher Plummer.
Non ci sono flashback o scene ambientate in Germania. Bastano una sirena, il vapore di una doccia, il ringhio di un pastore tedesco e le grida di un poliziotto a richiamare la vita nei campi di concentramento. È un film quindi diverso dai molti visti per il Giorno della Memoria, dove la storia contemporanea è protagonista.
Mi sono ritrovato così assorto nella storia che ogni attimo era pieno di suspense e non ho mai desiderato un intervallo così corto. In un continuo alternarsi di dramma e commedia, si scopre pian piano il personaggio di Zev, quasi come se si ricordasse con lui.

"Tu sei l'unico che può ancora riconoscere l'uomo che ha ucciso le nostre famiglie. Devi trovarlo e ucciderlo"

Sotto i toni pacati di questo film si cela, però, anche una critica alla facilità con cui in America sia possibile comprare un'arma. Due "controlli" veloci ed ecco qui una pistola. Altro fattore che mi fa capire che la libertà ha un caro prezzo.
Si giunge così un finale tesissimo in cui gli epiloghi possibili da uno diventano infiniti. Finalmente lo scontro finale, il momento in cui la verità verrà a galla. Ed è proprio in questo momento che tutto si rovescia, le certezze decadono e un colpo di pistola mette brutalmente tutto a tacere. Un attimo ed è la fine. Sconvolto, sono uscito dalla sala, ripensando e meditando a ciò che avevo appena visto.  Com'era possibile? Genio o follia? Si tratta di un finale davvero inaspettato che stupisce e stravolge completamente la prospettiva. Impossibile dirvi di più senza rovinarvi questo stupendo epilogo.

Come dicevo all'inizio, in Remember il destino ha un ruolo chiave. Forse è tutto un caso, uno scherzo, ma sono gli uomini a crearsi giorno per giorno la loro strada, il sentiero da percorrere. Non è possibile dimenticare. Forse si può apparentemente, fisicamente, ma è solo un'illusione. Il passato, sia che lo si ricordi che meno, ci ha portato dove siamo ora, non possiamo cambiarlo, possiamo solo andare avanti. Le nostre azioni, le nostre colpe ci hanno reso ciò che siamo. Le strade sono due: essere realisti o lasciare che sogno e identità combacino.

Voto: 9/10
 


4 commenti:

  1. Ciao! Ho proprio visto ieri il trailer e mi ispira un sacco! Temevo un po' che le mie aspettative fossero alte, ma dalle tue parole credo proprio che ne sarà all'altezza =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente! Te lo consiglio caldamente :)

      Elimina
  2. Mi hai fatto venire la curiosità di vederlo. Ti dirò ;)

    RispondiElimina
  3. Bellissimo, adoro i finali a sorpresa. Ottima recensione!:)

    RispondiElimina

Se ne hai voglia, lascia un commento :D Sono interessato alle tue opinioni!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...