domenica 27 dicembre 2015

Play a Book #2: Anna Karenina ed Ellie Goulding

Buongiorno,
io e Francy di Never Say Book siamo tornati questo 27 del mese con un nuovo post della rubrica Play a Book. Ancora una volta andremo quindi a trovare un punto di incontro tra musica e libri. Questa volta ci siamo invertiti: Francy ha scelto il libro, Anna Karenina di Tolstoj, e io la canzone, Lights di Ellie Goulding. 

E se libri e canzoni si fondessero? Diventassero un tutt'uno? La magia delle pagine si mescolerebbe con la melodia delle note. Le nostre orecchie sarebbero impegnate ad ascoltare i dolci suoni mentre i nostri occhi continuerebbero imperterriti la lettura della storia. Io e Francy saremo con voi ogni 27 del mese per collegare con un sottile filo una canzone e un romanzo. E un romanzo con una canzone.
Part One: da Romanzo a Canzone

Anna Karenina di Tolstoj


Combattuta tra l'amore per il figlio, il vincolo matrimoniale e la passione per un altro uomo, Anna Karenina sarà travolta da un conflitto tanto drammatico da trascendere i confini del personaggio per divenire emblematico, che la accomunerà ad altre tormentate figure di donne, come Madame Bovary, per citare la più famosa. Ispirandosi con inconfondibile potenza creativa a un fatto di cronaca, Tolstoj trasfuse in Anna Karenina l'ansia e il desiderio di chiarezza etica che dominarono la sua vita. Costruito con un raffinato gioco d'incastri narrativi, e tuttavia con la consueta scorrevolezza stilistica dei capolavori tolstojani, il romanzo presenta una bruciante problematica morale, lasciando al lettore il giudizio definitivo.

Oh, won't you stay with me?

'Cause you're all I need
This ain't love, it's clear to see


La canzone scelta doveva avere certamente una musicalità lenta, dolce e a tratti drammatica., dal testo capace di emozionare nonostante la ripetitività dei versi. Anna Karenina è una storia triste che contiene un inno all'amore, al quale non si può rinunciare perché è ciò di cui abbiamo bisogno. E' qui che entra in scena con Stay with me Sam Smith .

Francy





I want you to stay, stay.


Stay di Rihanna è una canzone dolce e struggente che mi fa ripensare all’amore tra Kitty e Levin. Il primo rifiuto di lei è, secondo me, una delle parti più commoventi del libro. C’è sicuramente qualcosa tra i due personaggi, ma la ragazza, sotto consiglio della madre, decide di aspettare una sicura proposta da Vronsky, partito certamente più conveniente, e spezzare il cuore a Levin.  Alla fine, però, non riesce a resistere al vero amore, all’amore sincero e profondo che non era ancora riuscita ad ammettere a se stessa e alla società e gli chiede di rimanere. 


Francesco







Part Two: da Canzone a Romanzo

Lights di Ellie Goulding

You show the lights that stop me turn to stone
You shine It when I’m alone
And so I tell myself that I’ll be strong
And dreaming when they’re gone

Il testo di questa canzone è molto semplice e prende spunto dalla paura per il buio della cantante da piccola. Trovandosi nell’oscurità, senza alcun punto di riferimento, l’unica richiesta all’amato è quella di far ritornare la luce nella propria vita, di aiutarla a sconfiggere le tenebre e, con esse, le proprie paure.



Inferno sono strade da cui 
non si vedono le stelle
perché non è concesso alzare gli occhi.



Come la canzone ed il suo video anche Ciò che inferno non è gioca molto sull'opposizione luce ed oscurità. Quel buio fa paura, il buio di Brancaccio, quella parte di Palermo che la luce non la vede mai a causa della mafia che incombe su chi ci abita con abusi e minacce ma che agisce nell'ombra nel resto della città. Federico è il ragazzo innocente che vive nella Palermo luminosa e che, tramite le sue parole, cerca di rischiarare l'inferno; ma capirà però non è tutto così facile come lui crede, nell'universo che Don Pino deve -e desidera- affrontare ogni giorno. Perché l'inferno lì a Brancaccio fa più paura del buio, fa paura quanto l'inferno. Perché lo è...

Francy



"Oh, si." Annuì Carissa. "Erano connessi via sguardo in classe, venerdì. Tutta quella cosa stile 'Ti sto molestando con gli occhi' che stavano portando avanti era incandescente."



Per questa canzone, ho pensato a Obsidian di Jennifer L. Armentrout. Katy è una ragazza che si è appena trasferita in una nuova città, in seguito alla morte del padre. Ha sofferto molto e cerca ora di iniziare una nuova vita. Quando conosce Daemon e Dee, scopre che gli alieni non sono un banale frutto dell’immaginazione, ma addirittura i suoi vicini di casa. Sebbene il rapporto conflittuale e i litigi, una volta iniziati i problemi, sarà proprio Daemon ad aiutare la ragazza, a mostrarle un lato di sé che non lascia sempre trasparire. La luce dell’alieno la illuminerà, sia letteralmente che metaforicamente parlando, e le dimostrerà che c’è sempre una via d’uscita dalle difficoltà.

Francesco



Vi sono piaciute le nostre scelte? Se siete interessati ad approfondire i libri che abbiamo citato, io ho recensito Obsidian, mentre trovate su Never Say Book il commento di Ciò che non è inferno. Entrambi abbiamo poi letto Anna Karenina: qui il mio pensiero e qui quello di Francy.



1 commento:

  1. Trovo le scelte azzeccatissime, amo Stay with me e l'associazione è perfetta per Anna Karenina =)

    RispondiElimina

Se ne hai voglia, lascia un commento :D Sono interessato alle tue opinioni!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...